CRAC

ARCHIVIO VIDEO

Archivio video | CRAC

Attività espositiva

Archivio video del CRAC

L’Archivio video, raccoglie e documenta, in forma cronologica e su vari supporti, gran parte degli eventi prodotti dal CRAC nel periodo 2004 – 2014.
Si tratta di materiali che cercano di restituire, l’immediatezza degli incontri, il fare della ricerca e della pratica didattica in un clima di partecipazione attiva e condivisa.

I filmati che non saranno resi pubblici possono essere richiesti direttamente al CRAC. Il CRAC autorizza la libera circolazione, la pubblicazione e la diffusione, con la clausola che i video devono essere accompagnati dalle note informative specifiche a cui deve essere aggiunta la dicitura: Curtesy Archivio CRAC - Cremona.

 

Dal 2006 al 2016

 

 

Anno 2006


Alberto Casiraghy, Aforismi. Libri d’artista nelle Edizioni Pulcinoelefante

Vai al video

Le Edizioni del Pulcinoelefante hanno visto la luce nel 1982 da un’idea geniale di Alberto Casiraghy, figura poliedrica ed estrosa. Ex liutaio, artista, poeta, editore e raffinato cultore di parole, di immagini e di vita, da più di vent’anni stampa in proprio e pubblica, in tiratura limitata, dei preziosi libriccini fatti a mano, contenenti aforismi, disegni originali, incisioni ed oggetti i più disparati di autori vari, tra cui Bruno Munari, Enrico Baj, Gillo Dorfles, Lucio Del Pezzo, Ottiero Ottieni, Emilio Tadini, Franco Loi, Tonino Guerra, Fernanda Pivano, Alda Merini. Pulcinoelefante, ha raccolto in catalogo generale tutte le sue pubblicazioni (oltre 5000 titoli). Alberto Casiraghy ospite del CRAC Centro Ricerca Arte Contemporanea del Liceo Artistico Statale “Bruno Munari”, conduce un workshop con studenti delle scuole primarie e del Liceo, per spiegare loro le tecniche di stampa tipografica e produrre per l’occasione una serie di libriccini a tiratura limitata che saranno esposti al momento. La mostra da l’occasione per vedere una serie di piccole opere, preziosi frammenti di ciò che ha prodotto Casiraghy dai miracolosi incontri che ha coltivato con poeti, scrittori, artisti contemporanei

 

 

 

Anno 2007


Emanuela De Cecco, Attori. Spettatori. Testimoni. L’arte nell’epoca della comunicazione di massa

Vai al video

Il titolo dell’intervento mette l’accento su tre tra le principali modalità di relazione possibile con la cronaca attivate dagli artisti che di fatto rimandano a tre distanze diverse rispetto ai “fattti” ma soprattutto al racconto di essi veicolato attraverso i media. Dai Disastri di Andy Warhol, ai senza tetto di New York raccontati da Martha Rosler al Rwanda di Alfredo Jaar, si propone una riflessione orientata a problematizzare una relazione dove il “come” un peso uguale se non maggiore rispetto all’oggetto della narrazione

 


Roberto Pinto, Davanti al dolore degli altri. Testimoni, vittime, colpevoli

Vai al video

Lo spunto iniziale di questo progetto è il noto testo di Susan Sontag in cui l’autrice si interroga sul modo in cui noi spettatori reagiamo alle immagini che ci circondano. Il saggio si sviluppa a partire dalle immagini di guerra, articolando un discorso che affronta apertamente molti passaggi e molte contraddizioni a proposito di una questione che si presenta resistente ad ogni possibile semplificazione

 


Andrea Branzi, La decorazione nell’architettura contemporanea. Decorazione e decorazioni. La decorazione come culturaantiarchitettonica

Vai al video

Un incontro straordinario con Andrea Branzi, fondatore (nel 1966), assieme a Paolo Deganello, Massimo Morozzi e Gilberto Corretti, del collettivo Archizoom Associati, che con Superstudio fu uno degli esempi più apprezzati e citati delle avanguardie degli anni Sessanta e Settanta, in particolare del movimento sperimentale noto come architettura radicale. Branzi considerava l’architettura e il design come strumenti per un’elaborazione critica della società e delle sue derive consumistiche. Evento nell’ambito del progetto IFTS Polo formativo per la liuteria, la cultura musicale e l’artigianato artistico. La decorazione, passato e presente. Formazione formatori. Aula Magna Liceo Artistico Statale Bruno Munari Sez. di Crema, 24 Settembre 2007.

 

 

 

Anno 2008


Francesco Poli, Il coinvolgimento dello spazio ambientale nel lavoro artistico

Vai al video

Un’excursus nell’arte del ‘900 in compagnia di uno dei più prestigiosi e brillanti curatori italiani.\https://youtu.be/xreJ1yZH-rk

 


Luisa Perlo, In situ. Arte pubblica e nuove forme di committenza

Vai al video

Oggi in Italia l’arte si propone tra gli strumenti più visibili delle strategie di promozione del patrimonio locale, inserita nelle politiche turistiche e di marketing culturale o chiamata in causa come protesi dell’architettura e del ridisegno urbano. Tuttavia, libera da protocolli disciplinari rigidi, si dimostra in molti casi capace di dialogare con i processi di rigenerazione urbana e di misurarsi con metodologie che promuovono la riattivazione sociale attraverso strumenti innovativi. Nell’arco di poco più di un decennio vengono realizzati numerosi progetti nei quali l’opera “di arte pubblica” è il frutto di processi condivisi, che pongono in rilievo le potenzialità dell’arte contemporanea quale strumento per la lettura e il ridisegno del territorio.

 


Gigliola Foschi, La fotografia. Traccia della realtà o artificio?

Vai al video

Già a partire da William Henri Fox Talbot – inventore del negativo su carta – la fotografia ha oscillato ambiguamente tra due vie: presentarsi  come una trascrizione esatta e oggettiva del reale oppure proporre come vere realtà immagini falsificate e costruite appositamente. Ben prima della diffusione di photoshop,  la fotografia – da Fox Talbot a Oscar Gustav Rejlander e Henry Peach Robinson (solo per citare alcuni autori dell’Ottocento) – ha sì documentato la realtà, ma ha anche creato, davanti all’obbiettivo, messe in scena e abili falsificazioni artistiche o fantasiose. Non può quindi stupire se la fotografia contemporanea – certo con maggior consapevolezza di un tempo – sfrutti oggi tale sua costitutiva duplicità per farci riflettere sul nostro rapporto con il reale, sia creando mondi paralleli sospesi tra finzione e verità, sia realizzando opere dove lo sguardo fotografico s’impone per la sua capacità documentaria e interrogativa. Alcuni tra gli autori presi in esame: Hellen van Meene, Lorca di Corcia, Roni Horn, Jeff Wall, Tom Hunter, Hannah Starkey, Alfredo Jaar, Anna Gaskell, Paul Seawright, Adam Broomberg e Oliver Chanarin.

 

 

 

Anno 2009


Giorgina Bertolino, Arte contemporanea, immaginari e spazio pubblico

Vai al video

Esempi e riflessioni sul rapporto opera d’arte e spazio pubblico, cioè sulla capacità dell’arte di ridefinire, riqualificare, ripensare un luogo pubblico. Giorgina Bertolino è infatti impegnata da anni, con il gruppo di lavoro a.titolo di Torino, in progetti che promuovono una relazione attiva tra cittadini e arte contemporanea.

 


Pier Luigi Tazzi La tristezza d’Europa

Vai al video

La situazione dell’arte attuale a partire dagli anni 80 in occidente e l’apertura del terzo Millennio a livello planetario.

 

 

 

Anno 2010


Franco Mazzucchelli, Spazi plastici d'aria, Laboratorio partecipato condotto da iPac sezione didattica del CRAC

Vai al video

L’artista, nato nel 1939 a Milano dove vive e lavora, ha cominciato a elaborare i suoi volumi d'aria nella seconda metà degli anni 60, dapprima abbandonandoli alla natura o in aree dismesse e poi elevandoli a performance spaziali di architetture effimere. Ha partecipato a manifestazioni artistiche nazionali e internazionali ed ha insegnato presso l'Accademia di Belle Arti di Brera, nella sezione distaccata di "Brera2" e coordinato l'istituto di Comunicazione Multimediale

 

 

 

Anno 2011


Tim Rollins & K.O.S. (Kids Of Survival), con la collaborazione di Alessandro Rabottini Curatore Esterno GAMeC Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo.

Vai al video

Workshop ispirato all’opera Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare con la classe IV D della Scuola primaria del 1 Circolo didattico Trento e Trieste di Cremona. Per Rollins, l’emancipazione sociale e la liberazione del potenziale creativo insito in ciascuno di noi passano necessariamente attraverso una forma di auto-consapevolezza resa possibile dall’accesso alla cultura (A. Rabottini, testo dal comunicato stampa per la mostra alla GAMeC).

 


Tim Rollins & K.O.S. (Kids Of Survival), con la collaborazione di Alessandro Rabottini Curatore Esterno GAMeC Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo.

Vai al video

Incontro con gli studenti delle scuole cremonesi, dove l’artista racconta con grande passione del crollo delle Torri gemelle che ha vissuto e osservato incredulo dalle finestre del suo studio, del dar senso all’operazione del fare arte saldandola all’operazione dell’insegnare arte. Un’esperienza questa maturata sul campo, quando nel 1982 a Tim Rollins fu proposto un periodo di insegnamento di due settimane alla Public School 52 del South Bronx di New York, frequentata da ragazzi provenienti da contesti problematici e pertanto considerati soggetti a rischio. Teatro Monteverdi, Cremona

 


Andrea Nacciarriti, Once Upon A Time

Vai al video

L’artista incontra gli studenti del liceo artistico e propone un’ intervento partecipato, che prevede attraverso una performance,  la restituzione alla città di Cremona di un monumento dimenticato. Il perimetro della struttura è segnato da fumogeni, il fumo innescato contemporaneamente crea un volume effimero, il volume ingombrante, evocativo di un’irrimediabile perdita.

 


Noi che siamo educati

Vai al video

Progetto video pensato ed ideato da un gruppo di studenti del Liceo, che attraverso interviste ad altri studenti, raccontano tra ansie e desideri, la scuola così com’è e come vorrebbero che fosse.

 


Officine dell’Umbria

Vai al video

E’ un innovativo progetto di didattica artistica rivolto alle scuole umbre, a cui ha partecipato un gruppo di studenti del Liceo Artistico di Cremona. Il progetto, che si tiene a Trevi a cura Maurizio Coccia e Mara Predicatori di Palazzo Lucarini Contemporary, nasce nel 2004 con l’idea di portare ad una progressiva espansione territoriale la sensibilità e l’interesse per l’arte del nostro presente partendo dai più giovani. Il video presenta l’esperienza prodotta durante il laboratorio tenuto dall’artista Giuliano Lombardo, con la restituzione di una performance e una mostra collettiva con tutte le scuole invitate presenti all’evento finale.

 


iPac al CCC Strozzina. Il video documenta una giornata di aggiornamento del gruppo di lavoro di iPac con gli operatori del dipartimento didattico del Centro di Cultura Contemporanea Strozzina a Palazzo Strozzi di Firenze.

Vai al video

iPac è la sezione didattica del CRAC che ha operato dal 2010 al 2011. Un gruppo di lavoro nato per affiancare le attività del CRAC nel promuovere e proporre programmi mirati che includono laboratori tematici, formazione e aggiornamento, percorsi di progettazione accessibile, visite guidate a mostre nazionali ed internazionali, progetti in collaborazione con enti ed istituzioni museali, workshop con artisti ed esperti del settore. Gli interventi considerano i bisogni dell’utenza, particolare attenzione si ha nell’avviare processi di progettazione partecipata sul territorio: il coinvolgimento delle comunità e il ruolo catalizzatore di bambini e ragazzi sono fondamentali e diventano dei punti di partenza necessari ed imprescindibili del percorso.

 


Cleo Fariselli, La Resistenza e la sua luce, sono i due soggetti che ispirano la mostra, a partire dal titolo, tratto da una poesia di Pasolini dedicata alla Resistenza Partigiana.

Vai al video

Il video documenta l’incontro con gli studenti del Liceo, dove l’artista racconta delle sue opere, del progetto per il CRAC e della partecipazione e la collaborazione richiesta agli studenti alla performance che si terrà durante l’inaugurazione.Il programma è parte del bando nazionale FaceOff site-specific, indirizzato ad artisti italiani, con l’intento di produrre dei progetti per spostare l’attenzione dallo spazio mostre abituale del CRAC ad altri luoghi della città.

 


Cleo Fariselli, La Resistenza e la sua luce, sono i due soggetti che ispirano il progetto per il CRAC, a partire dal titolo, tratto da una poesia di Pasolini dedicata alla Resistenza Partigiana.

Vai al video

Il video documenta il momento dell’inaugurazione, l’installazione-azione ad opera degli studenti e il percorso in bicicletta per le vie della città. Nella sala, è presentata una mappa del cielo completamente bianca in cui, come una scrittura in braille, le stelle sono modellate in rilievo nella carta. La relazione con la Resistenza è poetica: se la vista è privata, è l’immaginazione a trovare la luce. Una dimensione interiore, quasi una bioluminescenza, nonostante l’oscurità, o l’abbaglio, della dittatura. La scelta di resistere è paragonata alla possibilità di avvicinare qualcosa che appare lontanissimo: la distanza siderale degli astri si annulla idealmente al tatto. Il secondo intervento, nella sala è un’installazione-azione che non trova posto nello spazio, ma le cui parti sono passate di mano in mano tra gli studenti e un piccolo gruppo di spettatori, per essere poi riposte. Una sequenza precisa di oggetti appartenuti ai partigiani dà vita a un “accordo” di senso, una narrazione effimera e inconsueta. Se le due opere al CRAC vivono di una dimensione intima e individuale, il terzo elemento della mostra si realizza in una dimensione di estesa inclusività. Il giorno dell’inaugurazione 134 ciclisti (il numero dei ragazzi cremonesi partiti partigiani), percorreranno un tragitto equipaggiati con una o più luci portatili, per dare vita a un lungo serpente luminoso, vivo e festoso, che sfilerà per le vie di Cremona illuminandole all’imbrunire, per poi concludersi in un momento conviviale nella sede dell’ANPI locale. Il programma è parte del bando nazionale FaceOff site-specific, indirizzato ad artisti italiani, con l’intento di produrre dei progetti per spostare l’attenzione dallo spazio mostre abituale del CRAC ad altri luoghi della città.

 


Quale educazione per Marte?

Vai al video

L’artista EMANUELE ROCCO ORLANDO e la curatrice MARIA ROSA SOSSAI incontrano gli studenti finalizzato allo scambio di idee sui modelli educativi alternativi e dello stare a scuola in un tempo in cui la domanda urgente sembra essere “che cosa può essere l’educazione in un tempo di sconvolgimenti?” Quale educazione per Marte? è anche il titolo di un video, proiettato durante l’incontro, realizzato da Valerio Rocco Orlando durante una serie di laboratori con alcuni studenti dei licei della capitale. L’evento rientra nel programma di CRAC EDUCATIONAL un contenitore dedicato alla sperimentazione della didattica del contemporaneo. Attraverso workshop, eventi espositivi, laboratori, incontri, sono presentate le esperienze più significative e innovative che caratterizzano il panorama nazionale nell’ambito della formazione artistica. Sala Zanoni delle Politiche Educative di Cremona.

 

 

 

Anno 2012


Interacting Bodies di Mona Lisa Tina

Vai al video

è un progetto performativo sul concetto di Metamorfosi in collaborazione con Sponge Arte Contemporanea (PU), presentato ad INDEPENDENTS 3, Fuoribiennale Le nuove esperienze creative indipendenti a cura di Cristiano Seganfreddo, ArtVerona 2012. Edizione dove sono state selezionate 36 realtà italiane no profit.

 


Compito in classe di OsservatorioinOpera (Piero Almeoni/Paola Sabatti Bassini),

Vai al video

è un laboratorio della durata di un giorno, indirizzato agli studenti della scuola secondaria di primo grado di Verona. Il workshop propone una lezione sull’arte tenuta dagli stessi ragazzi. Durante la giornata, gli studenti hanno intervistato il variegato pubblico, tra visitatori e addetti ai lavori che partecipano alla Fiera, su una “visione dal basso” degli argomenti riferiti al luogo in cui si trovano, per poter poi restituire pubblicamente in una performance finale l’esito della loro ricerca. Progetto presentato ad INDEPENDENTS 3, Fuoribiennale Le nuove esperienze creative indipendenti a cura di Cristiano Seganfreddo, ArtVerona 2012. Edizione dove sono state selezionate 36 realtà italiane no profit.

 


L’esercito di terracotta di Chiara Camoni

Vai al video

è la realizzazione di una grande opera collettiva, costituita da una moltitudine di piccole sculture in creta prodotte dai bambini di due classi prime delle scuole primarie Bissolati e Miglioli di Cremona che, affiancati dagli studenti del Liceo Artistico Munari, hanno partecipato al laboratorio insieme all’artista. L’opera è un campionario di forme colte in svariati stadi di compimento, o al contrario di disfacimento. In un secondo step, le piccole sculture sono state prodotte in terracotta per essere esposte. L'evento è inserito nel programma FACE OFF Volume 2, un bando nazionale in cui sono stati scelti quattro artisti che hanno presentato dei progetti per la città di Cremona.

 


Lo spazio sognato è un workshop di Elisa Vladilo

Vai al video

tenuto con un gruppo di studenti del Liceo Artistico Bruno Munari di Cremona. Il proposito di questo laboratorio è di permettere alle persone, sia di sognare sui propri luoghi, sia di acquisire in questo modo un senso di  appartenenza più attivo e meno passivo. Il tutto può avere anche una vena sottesa di evoluzione civica; spesso le persone non vivono gli spazi pubblici come luoghi che appartengono anche a loro, e nel considerarli non propri vengono facilmente danneggiati o vissuti passivamente. Il workshop è stato affiancato al progetto Front of Art – Azione di ripresa a cura di Katia Baraldi presentato al CRAC in una mostra che documenta il progetto di arte pubblica con interventi site specific, pensati per il paese di Nervesa (TV). Una riflessione sulle fasi di realizzazione del progetto, le difficoltà e i problemi che si sono affrontati, su ciò che si voleva creare e ciò che è stato in realtà prodotto.

 

 

 

Anno


undefined

Vai al video

undefined

 



Torna ad Archivio storico


×

Informativa sui cookie e sulla privacy, ai sensi dell'art. 13 D.Lgs. 196/2003. Questo sito NON UTILIZZA COOKIE per inviarti pubblicità o altre forme di servizi. Se vuoi saperne di più clicca su Le nostre policy. In caso contrario acconsenti. Per approfondire vedi:  Normativa sulla privacy